Notizie - Approfondimenti

SUPER BONUS 110 %

Il superbonus spiegato in pochi, semplici punti

SUPER – ECOBONUS 110%

Premessa

Il Decreto Rilancio non è ancora stato pubblicato quindi i punti richiamati fanno riferimento alla bozza divulgata a seguito dell’Approvazione del Consiglio dei Ministri del 13/05/2020.

I punti fondamentali

  • Detrazione del 110% in cinque anni sulle spese sostenute per lavori di riqualificazione energetica degli edifici;
  • Lavori eseguiti sia sui condomini che sulle singole unità abitative adibite a prima casa;
  • Spese detraibili dal 01/07/2020 al 31/12/2021 in cinque quote annuali;
  • Interventi:
    • Interventi su edifici unifamiliari e condomini di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 % della superficie disperdente lorda dell’edificio (spesa massima 60.ooo € per unità immobiliare);
    • Interventi sui condomini per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento e/o produzione di acqua calda sanitaria dotati di caldaia a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici alla microcogenerazione (spesa massima 30.000 € per di unità immobiliare);
    • Interventi su edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria dotati di pompa di calore o impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici o alla microcogenerazione (spesa massima 30.000 €).
  • Condizioni:
    • Miglioramento della prestazione energetica dell’immobile di due classi, o raggiungimento della classe energetica più alta possibile (A4), anche tramite l’installazione di impianti fotovoltaici, per l’accumulo elettrico e a pompa di calore.
  • Possibilità di cessione del credito all’impresa che ha realizzato i lavori, alle banche ed agli istituti di credito; possibilità di due passaggi del credito di imposta (dal beneficiario all’impresa e dall’impresa al fornitore o banca);
  • Gli interventi già presenti nel “vecchio” ECOBONUS ed esclusi dal nuovo provvedimento rimangono agevolabili con le vecchie regole, ma possono essere detratti con la percentuale maggiorata (110%) se contestuali ai macro-interventi ammessi (vedi punti precedenti);
  • Altri interventi collegabili ai macro-interventi ammessi:
    • Installazione di impianti solari fotovoltaici. La spesa massima sarà di 48.000 €, con un vincolo massimo di 2.400 €/kW;
    • Installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici;
    • Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici (colonnine elettriche).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies. Leggi la privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi